Intervista a Paola Donati, direttrice del Teatro Due

Schermata 2019-08-14 alle 16.24.56.png

Un teatro aperto tutto l’anno, che possa essere “casa” della cultura e delle relazioni per la città e, allo stesso tempo, polo attrattivo e qualificante per quanto riguarda lo studio, la formazione e la sperimentazione in campo artistico: questa la visione alla base del lavoro della Fondazione Teatro Due di Parma che quest’anno, ancora una volta, si presenta con una programmazione estiva varia ed estremamente curata.

Nella cornice classico-moderna dell’Arena Shakespeare, andranno in scena, dal 26 giugno al 26 luglio, grandi classici rivisitati come Antigone (per la regia di Gigi Dall’Aglio) e Prometeo incatenato (regia di Fulvio Pepe), pietre miliari del teatro contemporaneo come Mistero Buffo interpretato da Ugo Dighero, il grande spettacolo May B di Maguy Marin e poi ancora proiezioni, conferenze, incontri, fino al gran finale con Coscoletto o Il Lazzarone di Offenbach, in collaborazione con la Fondazione Arturo Toscanini e il Festival della Valle d’Itria. Abbiamo incontrato Paola Donati – direttrice del teatro – per una chiacchierata su questo programma, ma soprattutto sul senso di un percorso “vivo” 365 giorni l’anno. Continua a leggere…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s