Non ti riconosco

Schermata 2018-12-09 alle 23.04.05.png

E poi ci sono le cose. I luoghi e il paesaggio. Il contesto che con la sua stabilità dovrebbe confermarci, nel nostro consistere. E che invece diviene, a volte, anch’esso irriconoscibile. Ci muta intorno – ci “tradisce” – trascinandoci nel gorgo del dis-orientamento. Sradicandoci, nel senso più letterale del termine, cioè lasciandoci fisicamente senza la terra in cui affondare le radici.

M. Revelli, Non ti riconosco. Un viaggio eretico nell’Italia che cambia, Einaudi 2016.

 

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s